NOZZE DI SANGUE – SPETTACOLO TEATRALE

Associazione dei genitori della Scuola Primaria di via Bosio

NOZZE DI SANGUE – SPETTACOLO TEATRALE

locandina-nozze-di-sangue

L’impossibile è oltre il recinto. Il recinto è fatto di uomini. Basta abbattere il recinto per essere liberi. Ma fuori la Luna è in agguato.

Piccolo Teatro dello Scalo

Sabato 19 marzo – ore 21

Domenica 20 marzo – ore 18

regia
Carmela Caiani

in scena
Annalisa Di Credico
Anna Rita Mastrangelo
Antonella De Luca
Antonietta Ciarciaglini
Brunella Di Miero
Cinzia Di Vincenzo
Domenico De Bellis
Franca Panara
Gemma Chiavaroli
Gianfranco Cesarone
Loredana Di Muzio
Raffaella De Thomasis
Roberta Elia
Rossano Angelini
Stefano Buccella

Nozze di sangue (Bodas de sangre) è un dramma teatrale in tre atti scritto da Federico García Lorca nel 1932. Con esso García Lorca si propose di fare una tragedia, il genere letterario che considerava la vera radice del teatro. La trama si ispira ad una vera storia di omicidio avvenuta a Nijar e apparsa sui giornali per circa una settimana intorno al 22 giugno 1933. Abbiamo incontrato la prima volta Nozze di Sangue, nel 2014, durante un Laboratorio di Ecologia Teatrale a Cenci a cura di Jairo Cuesta e Jim Slowiak, che sono stati assistenti di Jerzy Grotowski. Questa, però, non era una ragione sufficiente per decidere la messa in scena di un’opera che deve corrispondere sempre ad un’urgenza. Ci siamo interrogati a lungo su quale fosse la nostra. Nel corso degli anni nel nostro laboratorio teatrale abbiamo approfondito temi legati principalmente ai grandi misteri della vita, alle forze occulte che trascendono l’uomo, che ne manovravano i comportamenti e che la ragione e la logica non riescono a spiegare razionalmente, ma che trovano risposte nei miti e nelle tragedie greche. La strada scelta per realizzare questo spettacolo, non è stata, pertanto, quella di ricreare il contesto storico della Spagna franchista di Lorca, ma piuttosto quella di cercare in quel terreno intriso di sangue il senso di un dolore che ha un suono costante, del quale non ci si può liberare e che appartiene agli uomini di tutte le culture del mondo, varcando i confini del tempo sino ai nostri giorni per la sua straordinaria attualità. L’opera presenta una visione della vita umana che coincide con quella dell’antica tragedia greca, in cui emozioni, sentimenti e passioni sono protagonisti assoluti. Gli uomini e le donne perdono la capacità di controllare le loro passioni che diventano motore di un dramma che è nell’aria fin dalle prime battute. Niente può salvarli, nemmeno le avvisaglie di una catastrofe che incombe da subito. Sangue, morte, fecondità, sacrificio ci riconducono ad una dimensione mitologica che ci consente di accettare il lato oscuro ed occulto del quotidiano, quello che a volte chiamiamo fato, destino, caso, in una sorta di purificazione simbolica. La natura, rappresentata simbolicamente dalla Luna, tiene insieme la vita psichica e corporea dei personaggi e rende il soprannaturale immanente.

Tags: , ,

Contact Form Powered By : XYZScripts.com